LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA

booking: fisch@godzillamarket.it

lldce-logo

leluci.org

Le luci della centrale elettrica è il nome del progetto artistico/musicale di Vasco Brondi, nato nel 1984 e cresciuto tra Ferrara e l’Emilia.
Un progetto le cui prime canzoni trovano una forma nell’omonimo demo autoprodotto nel 2007 e distribuito dall’artista direttamente ai concerti. Si tratta di dieci canzoni, che mettono subito in luce una scrittura originale e una forza espressiva fuori dal comune, motivo per cui non passano inosservate.
La strada di Vasco Brondi incrocia quella di Giorgio Canali e così nasce “Canzoni da spiaggia deturpata”, il primo album pubblicato da La Tempesta. L’album ottiene ottimi riscontri, al punto da ricevere il Premio Tenco nella categoria “Migliore opera prima”. Viene inoltre inserito al sesto posto nella classifica dei dischi del decennio stilata dal magazine Rolling Stone a dicembre del 2010, primo degli italiani.
Vasco Brondi, la cui forza è rappresentata dal confluire di linguaggi artistici diversi e complementari nel divenire degli scenari tecnologici, non sorprende affatto quando sceglie come successore del suo primo album non un nuovo disco ma bensì un libro, una raccolta di alcuni post scritti per il suo blog insieme ad altre pagine inedite, pubblicato in quello stesso anno a nome Vasco Brondi e intitolato “Cosa racconteremo di questi cazzo di anni zero”.
In realtà Le luci della centrale elettrica hanno appena iniziato il loro viaggio. Nuove canzoni prendono forma e confluiscono nel secondo album, “Per ora noi la chiameremo felicità” (2010), alla cui uscita segue un tour che dura quasi un anno e mezzo. Il tutto è impreziosito da alcune importanti esperienze come le aperture ai concerti del tour “Ora” di Jovanotti, l’esibizione sullo stesso palco con Francesco De Gregori e la pubblicazione di un EP intitolato “C’eravamo abbastanza amati”, realizzato in collaborazione con il mensile XL e a cui segue un’ultima ripresa del tour. L’album contiene, oltre alla canzone inedita da cui prende il titolo, anche alcune cover e versioni live.
Il 2012 è un anno nel corso del quale Vasco Brondi viaggia molto tra Europa e Stati Uniti, ma parallelamente ai viaggi inizia a scrivere e a raccogliere le idee che costituiranno il primo nucleo del nuovo lavoro. Segue, una volta tornato in Italia, la fase di scrittura vera e propria del disco, interrotta soltanto dalle tre rappresentazioni di uno spettacolo intitolato “Cronache emiliane. Letture elettrificate, colonne sonore e fotografie”.
L’estate del 2013 coincide con l’inizio delle registrazioni del nuovo album, il cui lavoro di produzione artistica è affidato a Federico Dragogna (Ministri) e allo stesso Vasco Brondi. “Costellazioni” è il titolo del terzo lavoro di studio de Le luci della centrale elettrica, pubblicato nel marzo 2014, un disco che ha debuttato al secondo posto della classifica FIMI/GFK, primo tra gli italiani.
Il 3 marzo 2017, dopo tre anni di pausa, Le luci della centrale elettrica tornano con il quarto album: TERRA.

TOUR

19 agosto 2017 – ANFITEATRO ROMANO – Lecce
29 agosto 2017 – PIAZZA CASTELLO – Mantova
01 settembre 2017 – PRATO E’ SPETTACOLO – Prato
02 settembre 2017 – FESTA DELL’UNITA’ – Pescara
03 settembre 2017 – HOME FESTIVAL – Treviso
07 settembre 2017 – FESTA DELL’UNITA’ – Modena
08 settembre 2017 – CARROPONTE – Milano

CONCERTI PASSATI